Eccellenza (28^ giornata): San Cesareo – Città Monte San Giovanni Campano 3-0. Tabellino e cronaca.

SAN CESAREO – CITTÀ MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO 3-0
SAN CESAREO: Di Mario, Lo Schiavo, Menicucci (31’ st Olivieri), Valentini (19’ st Gallinucci), Ciampini, Giordano P., Alongi, Stazi, Milano, Provaroni, Fortuna (29’ st Fondi). A disposizione: Mascoli, Giordano G., Giulitti, Cesaretti. Allenatore: Galvanin.
CITTÀ MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO: Lisi, Testa (1’ st Reali), Florese, Taddeo, Frioni (32’ st Incoronato), Terra, Cirelli (1’ st Fiorini), Iozzi, Picozzi, Mastrantoni Di., Sili. A disposizione: Palladinelli, Verrelli, Lombardi, Mastrantoni Da. Allenatore: Fabrizio Perrotti.
Arbitro: Emanuele Felici di Aprilia.
Assistenti: Francesco Saverio Madeo di Roma 2 e Simone Caputo di Latina.
Marcatori: 25’ pt Provaroni, 35’ pt Fortuna, 45’ pt autogol di Testa.   
Note: espulso al 5’ st Giordano P. (S) per fallo da ultimo uomo. Ammoniti: Menicucci (S), Ciampini (S), Gallinucci (S), Taddeo (M), Frioni (M) e Sili (M). Il Città Monte San Giovanni Campano ha fallito due calci di rigore nel corso della ripresa: al 5’ st Iozzi si faceva respingere la conclusione da Di Mario; al 15’ st Mastrantoni Di. calciava sopra la traversa.

Una prestazione incolore condanna il Città Monte San Giovanni Campano ad un ko inevitabile!
Tre a zero recita il tabellino finale di San Cesareo e nel primo tempo i padroni di casa avrebbero potuto chiudere la frazione con un passivo più pesante! Monticiani inesistenti, la brutta copia delle ultime uscite stagionali… Ora, senza fare drammi, bisogna pensare soltanto a lavorare in modo da preparare al meglio i prossimi sei impegni in programma. Tutto ancora può succedere ma vincere o non perdere in casa di una diretta concorrente alla salvezza era importante. Da domani bisognerà voltare pagina per preparare al meglio la sfida casalinga con il Cedial Lido dei Pini. La cronaca. Il San Cesareo, con ben sei età di lega in campo, parte con il piede schiacciato sull’acceleratore mentre i monticiani non fanno altro che subire i continui attacchi degli avversari senza riuscire a superare la propria metà campo. Il forcing costante dei capitolini viene premiato al 25’. Sul cross da sinistra di Fortuna, Provaroni va in anticipo sui difensore ospiti e beffa Lisi per il gol del momentaneo uno a zero. Al 35’, ripartenza micidiale dei padroni di casa con Milano che serve Fortuna pronto a depositare il pallone in rete. L’incubo per i monticiani non finisce qui ed allo scadere il San Cesareo realizza il terzo gol grazie allo sfortunato autogol di Testa. Nel secondo tempo il Monte torna in campo più determinato dopo la strigliata di mister Perrotti negli spogliatoi. Al 5’, Paolo Giordano stende in piena area di rigore Diego Mastrantoni inducendo il direttore di gara, il signor Felici di Aprilia, a concedere la massima punizione e ad espellere il centrale difensivo capitolino. Sul dischetto si presenta capitan Iozzi che si fa respingere la conclusione da Di Mario. Una grossa chance per riaprire la sfida gettata al vento in avvio di ripresa. Cinque minuti più tardi nuovo fallo in piena area di rigore su Diego Mastrantoni, questa volta ad opera di Ciampini, e secondo penalty di giornata per gli ospiti. Sul dischetto questa volta si presenta lo stesso Diego Mastrantoni che scheggia la traversa e la seconda opportunità sfuma. A livello mentale, il doppio calcio di rigore sbagliato si abbatte come un macigno sui calciatori ospiti che non riescono più a rendersi pericolosi in avanti. La sfida si trascina così sino al 90’ ed il triplice fischio del direttore di gara sancisce la vittoria del San Cesareo. Per il Monte una giornata da dimenticare e la voglia di riprendere a correre sin da domenica prossima nella sfida casalinga con il Cedial Lido dei Pini. Servirà un Monte diverso a partire dall’approccio alla gara…