Eccellenza (32^ Giornata): Nettuno – Città Monte San Giovanni Campano 1-7. Tabellino e cronaca. RAGGIUNTA LA SALVEZZA ARITMETICA

Nettuno – Città Monte San Giovanni Campano 1-7
NETTUNO: Paccarié, Scarnato, Savini, Nanni, Baronci, Tiligna, Dotti (27’ st Arcese), De Franceschi (36’ pt Bonomo), Bamba (21’ st Di Magno), Colella, Taranto. A disposizione: Porcari, Cincinnato, Conte, Antonioni. Allenatore: Leonardo Graziosi.
CITTÀ MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO: Lisi, Tomassi, Sciucco, Cirelli M., Brahushaj, Terra, Sbaraglia, Cucchi (12’ st Reali), Cirelli E. (28’ st Testa), Mastrantoni, Compagnone (38’ pt Caponera). A disposizione: Perna, Paglia, Silvestri. Allenatore: Daniele Cinelli.
Arbitro: Daniele Pozzi di Roma 1.
Assistenti: Mirko Librale di Roma 2 ed Andrea Maria Zuin di Roma 2.
Marcatori: 37’ pt Cirelli E. (M), 10’ st Cirelli E. (M) (rigore), 13’ st Colella (N), 14’ st Mastrantoni (M), 21’ st Mastrantoni (M), 32’ st Mastrantoni (M), 35’ st Sbaraglia (M), 45’ st Cirelli M. (M).     
Note: espulsi: al 24’ st Nanni (N) per gioco violento; al 44’ st Paccarié (N) per proteste. Ammoniti: Baronci (N), Tiligna (N) e Bamba (N).

Finisce in trionfo la trasferta del Città Monte San Giovanni in casa del Nettuno. Sul neutro di Falasche, i monticiani si impongono con un perentorio 1-7 e possono festeggiare la permanenza nel massimo campionato regionale con due giornate di anticipo rispetto al termine della stagione. Un traguardo incredibile quanto meritato che ripaga i presidenti Sandro Sigismondi e Giovanni Mastrantoni delle scelte messe in atto nel corso dell’annata 2015-2016 ed i calciatori che non hanno mai mollato, nemmeno nei momenti più difficili. L’uno a sette odierno si può interpretare come liberatorio rispetto ad un periodo in cui i risultati non arrivavano nonostante le buone prestazioni offerte dalla squadra monticiana. Sette gol nel campionato di Eccellenza i giallo-azzurri li avevano messi a segno in un’altra circostanza anche se quello odierno ha un valore specifico di gran lunga superiore perché consegna la permanenza matematica nel massimo campionato regionale! La cronaca. In avvio il gioco degli ospiti, forse compassati per l’importanza della posta in palio, stenta a decollare ed è il Nettuno ad avere in mano il pallino del gioco anche se non crea alcun pericolo alla porta difesa da Lisi. Al 22’, la prima vera occasione da gol la costruisce il Monte con il colpo di testa di Mastrantoni che si perde sopra la traversa. Al 32’, il diagonale in corsa di Nanni trova la parata a terra dell’attento Lisi. Al 37’, gli ospiti si portano in vantaggio con un gol da antologia di Enrico Cirelli (nella foto in basso), cui non piace realizzare reti banali! Cross da sinistra di Sciucco per il bomber monticiano che spalle alla porta stoppa la sfera e con una rovescia spettacolare batte Paccarié, rimasto immobile dinanzi all’esecuzione balistica dell’attaccante giallo-azzurro. Due minuti dopo è Mastrantoni ad avere a disposizione la palla del ko ma il colpo di testa ravvicinato si perde sopra la traversa. Squadre al riposo con gli ospiti avanti di un gol. Nella ripresa torna in campo un Monte scatenato che dilaga con il passare dei minuti. Al 10’, sul corner battuto da Caponera, Savini intercetta la sfera con un braccio in piena area di rigore: penalty trasformato da Enrico Cirelli. Tre minuti dopo, Baronci accelera sulla corsia di sinistra e scarica per l’accorrente Colella che realizza il gol della speranza. L’illusione del Nettuno dura appena un minuto, il tempo necessario a Diego Mastrantoni (nella foto in alto) per realizzare in diagonale la rete dell’uno a tre. Al 21’, Mastrantoni si ripete con un gol in fotocopia rispetto al precedente e cala il poker. Al 32’, Mastrantoni, davvero scatenato, si infila tra i difensori ospiti e realizza il gol dell’uno a cinque. Per niente sazi, gli ospiti continuano a prendere d’assalto l’area avversaria ed al 35’ Sbaraglia infila Paccarié. Al 37’, Lisi compie un miracolo sul tiro da fermo di Colella respingendo un pallone destinato in fondo al sacco. Allo scadere, sul calcio di punizione a due battuto da Reali, la sfera arriva sui piedi di Michele Cirelli che fissa il risultato sul definitivo uno a sette. Al triplice fischio del direttore di gara è festa grande nello spogliatoio monticiano per l’obiettivo salvezza centrato aritmeticamente…   

be77e88272f74589b43daed79a393579.jpg