I giallo-azzurri sono chiamati a sfruttare il calendario per avvicinare la vetta della classifica...

Quattro gare per capire le reali ambizioni del Città Monte San Giovanni Campano nel campionato di Promozione.

I giallo-azzurri dei presidenti Sandro Sigismondi e Giovanni Mastrantoni (nella foto) affronteranno in sequenza Scalambra Serrone (in trasferta), Sporting Calcio Vodice (in casa), Alatri (in trasferta) e Mistra Città di Gaeta (in casa) prima del big-match in casa del Sora di mister Antonio Tersigni. I monticiani, per rimanere agganciati al gruppo di testa, dovranno conquistare 12 punti nelle prossime quattro gare in programma, affrontandole con la cattiveria e lo spirito giusti!

Il calendario, sulla carta, è favorevole a Terra e compagni tenendo conto dei numerosi scontri diretti in programma tra le concorrenti per il salto di categoria. Domenica prossima si affronteranno negli scontri diretti Real Cassino Colosseo – Gaeta e Terracina – Monte San Biagio mentre il Sora si recherà sul non facile terreno di gioco del Mistral Città di Gaeta. La settimana successiva lo scontro diretto riguarderà Gaeta – Itri mentre alla quarta di ritorno non sono in programma sfide di alta classifica. Domenica 4 febbraio 2018 il Gaeta se la vedrà con il Terracina ed il Real Cassino Colosseo con l’Itri. Sino ad arrivare a domenica 11 febbraio 2018 con il Monte che farà visita al Sora. Calendario alla mano se i monticiani dovessero fare bottino pieno sino a domenica 4 febbraio è certo che accorcerebbero le distanze rispetto alla vetta della classifica in virtù dei numerosi scontri diretti che riguardano le avversarie dei giallo-azzurri! 

Ed allora i ragazzi di mister Maurizio Promutico sono chiamati a dare il massimo nelle prossime quattro gare da disputare per mantenere acceso il sogno chiamato Eccellenza…


PIANI ALTI DELLA CLASSIFICA DEL GIRONE D DEL CAMPIONATO DI PROMOZIONE:
1. Itri 36*
2. Sora 36
3. Real Cassino Colosseo 35
4. Monte San Biagio 35
5. Gaeta 34
6. Terracina 31
7. Città Monte San Giovanni Campano 30

* una gara in meno