Il neo-acquisto Diego Di Folco pronto a dare il proprio contributo alla squadra di mister Promutico

Domenica 3 settembre prenderà il via il campionato di Promozione ed il Città Monte San Giovanni Campano dei presidenti Sandro Sigismondi e Giovanni Mastrantoni farà il proprio esordio a Terracina.
Per l’undici di mister Maurizio Promutico un impegno da non sottovalutare ma stimolante al cospetto di una delle favorite, sulla carta, per il salto in Eccellenza. Ci teniamo a sottolineare il termine “sulla carta” perché poi è sempre il rettangolo di gioco a dire chi ha ragione. In settimana alla rosa giallo-azzurra è stato aggiunto un difensore di tutto rispetto, Diego Di Folco (nella foto) con esperienza calcistiche importanti alle spalle, pronto a contribuire al raggiungimento dei risultato della società monticiana. Allo stesso Di Folco abbiamo chiesto di riassumerci la pluriennale carriera calcistica: «Ho iniziato a muovere i primi passi da calciatore nel Milan Club di Arce, poi nelle giovanili del Cassino, nella Juniores Nazionale del Ceccano e a seguire, a 16 anni, sempre nella formazione fabraterna, l’esordio in serie D con mister Promutico nelle vesti di capitano. Dopo 15 anni ci troviamo di nuovo insieme e per me è un onore essere a sua completa disposizione come calciatore. A Ceccano ho vissuto due anni fantastici, i più belli, ad oggi, della mia carriera. Ho assaporato il calcio quello vero, calcando alcuni terreni di gioco come Martina Franca, Viribus Unitis, Igea Virtus, Marcianise, che solo a pensarci a distanza di anni mi vengono i brividi. Ricordo l’esordio al “Matusa” contro il Frosinone, perdemmo 2-1 davanti a 6000 persone; una gara che non dimenticherò mai! Successivamente mi sono trasferito nella formazione pontina del Borgo Montello, in Eccellenza, con mister Lauretti mio ex compagno di squadre sempre nel Ceccano. A seguire Gaeta in Promozione, Scauri Minturno in Eccellenza, Pignataro Interamna dei record in Prima Categoria, Roccasecca in Promozione con mister Fraioli, che ringrazio pubblicamente per avermi permesso quest’anno di effettuare la preparazione con la sua squadra. Poi il ritorno nel Rocca d’Arce, il mio paese di origine, in Seconda Categoria, con mister Rosanova in una stagione memorabile nella quale abbiamo vinto il campionato. L’anno successivo l’approdo nel Santopadre di mister Coraggio in Prima Categoria e l’anno successivo in Promozione. A Fontana Liri, successivamente, giocai con l’amico Francesco De Angelis fino a dicembre prima di essere ceduto all’Arce del presidente Alessandro Marrocco, un carissimo amico ed una persona eccezionale, con il quale centrammo l’accesso all’Eccellenza tramite i play off con mister Claudio Nanni in panchina. Con Nanni ho proseguito il mio cammino calcistico ad Arpino, in Promozione, dove sono rimasto. per due stagioni, fino a maggio scorso…». A proposito dell’esperienza vissuta ad Arpino, cosa ci può dire? «Sono stati due anni stupendi, indimenticabili, sia per i risultati calcistici che abbiamo ottenuto, sia per i rapporti di amicizia che si sono creati al di fuori del terreno di gioco. Mister Nanni, il presidente Di Rienzo, sono persone eccezionali senza dimenticare il factotum Mario Battista, i dirigenti, i compagni di squadra, l’amico d’infanzia in campo e fuori Stefano Musi. Musi l’ho sentito dispiaciuto della mia partenza ma è stata semplicemente una scelta calcistica; quello che c’è fuori dal campo ed il bene che gli voglio è al di sopra di qualsiasi altra cosa e ti tengo a sottolinearlo. Quindi eccomi a Monte San Giovanni Campano». Cosa si aspetta da questa nuova esperienza? «In primis voglio dire che si tratta di un gradito ritorno tenendo conto che al “San Marco” ho giocato qualche anno fa ne La Lucca di mister Marco Sorgi. Ringrazio mister Promutico, il direttore Alessandro Coratti ed i presidenti Sandro Sigismondi e Giovanni Mastrantoni per aver creduto in me. Con l’aiuto del preparatore atletico Paolo Caldaroni metterò in allenamento ed in partita il massimo impegno per dare il pieno contributo alla squadra. Mi aspetto di vincere e di divertirmi perché questi sono gli aspetti più importanti del gioco del calcio…». Domenica in terra pontinia il Monte si presenterà con lo spirito battagliero e con la determinazione necessaria per centrare un risultato positivo… 
Gianni Coratti 
“Ciociaria Oggi” del 31-08-2017