Juniores Regionale: in vista dell'avvio di stagione mister Damiano Valenti fa il punto della situazione

Si corre, si suda, si seguono ed eseguono indicazioni tecnico-tattiche in vista dell’avvio di stagione 2016-2017 della Juniores Regionale del Città Monte San Giovanni Campano. 
I ragazzi, agli ordini di mister Damiano Valenti (nella foto) e del suo staff, si stanno allenando con grande serietà, rispettando alla lettera le regole imposte nello spogliatoio dal tecnico giallo-azzurro. Nei prossimi giorni sono previste diverse gare amichevoli che consentiranno all’allenatore monticiano di provare schemi ed uomini in modo da avere un quadro più chiaro della situazione. Mister, come procede la preparazione pre-campionato? «Sostanzialmente siamo in linea con quanto prestabilito… Dal 17 agosto stiamo lavorando intensamente, curando qualsiasi particolare inerente l’aspetto fisico, quello mentale, dell’alimentazione e del lavoro tecnico/tattico. In alcune giornate abbiamo optato per la doppia seduta in modo da farci trovare pronti il 1 ottobre». In questo momento oltre agli aspetti da lei citati starà amalgamando la rosa di giocatori tra “nuovi” e “vecchi”; è così? «Certamente… Stiamo amalgamando i calciatori della passata stagione con i neo-arrivati. È fondamentale per i nuovi assimilare la nuova metodologia di lavoro e la cultura del sacrificio, aspetti che, per i ragazzi dello scorso anno, è ormai una consuetudine. Stiamo insistendo sulla politica di creare prima di tutto un grande gruppo, coeso, che condivida un obiettivo comune. Abbiamo programmato diverse amichevoli in modo da trovare quanto prima una certa quadratura. Particolare importante della rosa di quest’anno è la composizione, con almeno 13/14 elementi classe 1999. In pratica giocheremo sempre sotto età proprio per poter programmare a lungo termine la prossima stagione; sono sicuro che questo gruppo giovane di calciatori darà sempre il massimo ed in prospettiva sono certo che farà grandi cose». La rosa di giocatori la possiamo considerare quasi al completo? Cosa manca per esserlo definitivamente? «Stiamo lavorando intensamente per completarla ed al momento pecchiamo soprattutto a livello numerico! Inoltre, in alcuni ruoli che ritengo scoperti non è facile trovare giocatori che possano fare al caso nostro ma ci stiamo provando e lo faremo anche nei prossimi giorni. Da martedì si sono aggregati al gruppo due nuovi acquisti». Come valuta il girone con le pontine nel quale siete state inseriti? «Si tratta di girone difficilissimo in quanto dopo le retrocessioni delle formazioni ciociare dello scorso anno dovremo faremo i conti con più pontine. Avrei preferito un girone con le romane, per poter giocare più a calcio e confrontarci con realtà blasonate ma va benissimo così». Cosa ci può dire dello staff tecnico che collabora con lei? «Sono contento di avere a disposizione uno staff tecnico di ottimo livello… Ho voluto io, personalmente con me, il professor Diego Di Tullio che poche società possono avere a disposizione e che sta svolgendo un lavoro eccezionale, ed il preparatore dei portieri Pierangelo Paniccia, altrettanto preparato che sta lavorando con i portieri in maniera egregia. Tra staff e squadra si sta creando una grande sintonia. Faremo di tutto per ripagare i sacrifici che fanno i presidenti Sandro Sigismondi e Giovanni Mastrantoni cercando di regalargli le migliori soddisfazioni in campo e fuori». L’esordio si avrà sabato 1 ottobre, al “San Marco”, contro il Sora.