Mister Fabrizio Perrotti si presenta ai tifosi: «Se sono qui è perché credo nell’obiettivo salvezza…».

Buona la prima per mister Fabrizio Perrotti?
Sulla carta il neo-allenatore del Città Monte San Giovanni Campano si troverà di fronte un ostacolo difficile da superare ma nel calcio nulla è scontato in partenza! La capolista Cassino, con il vento in poppa verso la serie D, arriverà al “San Marco” per proseguire la propria corsa in campionato ed i giallo-azzurri, anche se non sarà semplice, avranno l’obbligo di provare a fermare la corsa dei primi della classe! Il tecnico monticiano ha diretto un paio di allenamenti ed anche nella mattinata odierna ha convocato la squadra al “San Marco” per conoscere meglio gli uomini a disposizione e provare le varianti tattiche in base agli uomini a disposizioni. La prima domanda, d’obbligo, non poteva che riguardare i perché dell’offerta accettata da mister Perrotti (nella foto): «Dopo aver parlato attentamente con i presidenti Sigismondi e Mastrantoni, che ringrazio di cuore per aver puntato su di me, ho deciso di accettare la panchina giallo-azzurra per la serietà dimostrata e per le idee chiare sull’obiettivo da raggiungere. La squadra, vista la classifica, ha bisogno di qualche nuovo innesto in quanto anche numericamente siamo in pochi… Con la dovuta integrazione della rosa a disposizione possiamo puntare alla salvezza diretta. Psicologicamente i ragazzi stanno molto giù e pertanto spetterà a me tranquillizzarli e fargli ritrovare la fiducia, smarrita, nei loro mezzi...». Mister, come valuta la classifica del campionato di Eccellenza? «La graduatoria del girone B, a parte le prime quattro o cinque squadre, è molto equilibrata e pertanto c’è la possibilità di agganciare il gruppo che ci precede. Da come mi è stato riferito in diverse circostanze gli episodi non sono stati favorevoli ai monticiani nonostante la buona prova offerta dalla squadra a conferma dell’equilibrio che regna nel nostro raggruppamento. Con l’aiuto di tutti, società, allenatore, giocatori e sostenitori possiamo centrare la permanenza nel massimo campionato regionale. L’importante sarà rimanere agganciati al treno di squadre che ci precede ed invertire la rotta dei risultati negativi». Secondo il “suo credo”, apporterà delle modifiche al modulo tattico utilizzato finora? «Potremmo giocare con il 4-3-3, con il 4-3-2-1, con il 4-4-2 ma a prescindere dal modulo tattico che uno ha in testa l’allenatore deve avere l’elasticità di adattare le proprie idee alle caratteristiche dei calciatori a disposizione. È fondamentale affinché ogni singolo elemento, e di conseguenza la squadra, riesca ad esprimersi al meglio delle proprie possibilità». Chiudiamo con una battuta che mister Perrotti accoglie con un sorriso. Quanto le farebbe comodo avere in squadra un certo Mattia Perrotti? «Non perché si tratta di mio figlio ma in questa categoria Mattia riesce a dare un contributo importante in fase realizzativa. Ha realizzato tanti gol nel corso degli anni ed a noi poteva essere utile ma visto che sta a Cassino non posso che augurargli le migliore fortune a partire da domenica 18 dicembre».