Il saluto, emozionante, del capitano Loreto Macciocca trasferitosi al Paliano...

Il capitano di mille battaglie non vestirà più la casacca del Città Monte San Giovanni Campano.
Loreto Macciocca (nella foto), dopo tre annate esaltanti, vissute a suon di gol (quasi 80 le reti messe a segno con i giallo-azzurri) e prestazioni di spessore ha deciso di intraprendere una nuova esperienza nel Paliano. Si tratta di una scelta di vita importante, per un atleta che finora ha dedicato tutto se stesso al calcio; dalle giovanili nel Milan sino alle varie esperienze in serie C, in serie D, in Eccellenza e negli ultimi anni in Promozione. Ovunque ha giocato non solo ha lasciato un gran ricordo, grazie al suo carattere affabile e sincero, ma ha saputo raccogliere successi in linea con il suo valore di calciatore e di uomo. È arrivato il momento di voltare pagina e siamo certi che anche a Paliano, a due passi da casa sua, saprà farsi apprezzare, raccogliendo quanto seminato con i compagni di squadra… Macciocca, il suo addio da Monte è arrivato a sorpresa; ci spiega i motivi che l’hanno portata al divorzio? «Anche per me è stata una sorpresa andare via da Monte! Fino a qualche settimana fa sembrava impossibile che io potessi lasciare questa società ed invece poi è nata la trattativa con il Paliano ed in pochi giorni si è concretizzata. L’accordo con il Paliano mi dà stabilità e certezze per il futuro, cose che Monte, in questo momento, non mi poteva garantire. Non nascondo che è stata una scelta difficile da prendere ma assolutamente da fare alla mia età… Pertanto ci tengo a precisare che sono andato via esclusivamente per motivi extra calcistici. Mi sento di ringraziare i presidenti con cui avevo instaurato un rapporto di stima ed i miei ex compagni di squadra, con i quali avevamo creato un gruppo straordinario, motivo principale che ci ha portato a raggiungere un grandissimo obiettivo, che ha compreso perfettamente la mia decisione. Ringrazio te, Gianni, pubblicamente, perché sei una persona eccezionale con cui ho instaurato un rapporto di fiducia e di stima; so il tipo di lavoro che fai, dietro le quinte, ed in pochi se ne accorgono… Ringrazio tutto lo staff, da mister Angelo Bottoni al professor Massimiliano Proia, al preparatore dei portieri Fabrizio D’Arpino. Infine, ma non ultimo, ringrazio il direttore Ernesto Terra; con lui si è instaurata un’amicizia importante che va oltre il calcio… Insieme abbiamo vissuto gioie e dolori, calcistici e non, riuscendoci a capirci con uno sguardo e quando parliamo di calcio le idee sono le stesse. Mi sento di dire che in questo momento, in questo sport, è una delle poche persone che ne capisce davvero tanto e gli auguro una carriera importante…». Da capitano ha trascinato la tua ex squadra al ritorno in Eccellenza, come vuole riassumere i tre anni in casacca giallo-azzurra? «Ho vissuto tre anni intensi... Nei primi due personalmente ho raccolto diverse soddisfazioni ma a livello di squadra abbiamo fatto un po’ di fatica. L’ultima è stata una stagione piena di successi; da capitano ho coronato con i miei compagni di squadra il sogno di riportare il club monticiano in Eccellenza». Da quest’anno vestirà la divisa del Paliano; cosa si aspetta dalla sua nuova avventura? «Ripartirò da zero, rimettendomi in gioco a Paliano con entusiasmo e voglia di fare bene! Tali situazioni le considero stimolanti e pertanto mi aspetto di raggiungere gli obiettivi personali e di squadra prefissati. La società si sta muovendo bene sul mercato per cui le basi per costruire una stagione importante sono solide». Che Paliano dovremmo attenderci al via del campionato di Eccellenza? «Il mio auspicio sarà quello di vedere un Paliano protagonista nel prossimo campionato di Eccellenza… Il Covid ha portato una vera e propria rivoluzione nei gironi del massimo campionato regionale e purtroppo tante squadre saranno costrette a giocarsi la salvezza nei play out. Sarà un campionato insidioso e da parte nostra cercheremo di farci trovare pronti sin dall’inizio». Azzardiamo un pronostico; Paliano e Monte nello stesso girone... se così dovesse essere, quali sensazioni proverebbe nell’affrontare la sua ex squadra? «Finora non avevo pensato a questa ipotesi e francamente faccio un po’ fatica a rispondere perché non è semplice contestualizzarla a pochi giorni dall’addio! Comunque, se dovessi giocare contro i giallo-azzurri proverei tanta emozione nel rivedere con piacere gli ex compagni di squadra ed i tanti amici che ho a Monte; sarebbe una bellissima sensazione poter scherzare con loro a ridosso dell’incontro in programma». A bomber Macciocca auguriamo un’annata fantastica nel Paliano, società che ha ingaggiato un grande calciatore ed un uomo straordinario…