Intervista di mister Angelo Bottoni alla "Gazzetta Regionale"

Sei vittorie consecutive, tre punti sulla coppia di seconde formata da Lupa Frascati e Ferentino, ma ancora tante partite da giocare.
È soprattutto l’ultimo aspetto del discorso a far mantenere ben saldi i piedi a terra ad Angelo Bottoni (nella foto), chiamato in estate dai cugini dell'Anitrella per provare qualcosa di nuovo. «Non mi aspettavo che il campionato andasse così, non pensavo quindi potesse andare meglio, sicuramente non credevo potesse andare peggio. Qui a Monte San Giovanni Campano è stato tutto un po’ rifondato, con la società che ha mantenuto soltanto due dei giocatori della passata stagione ed ha costruito una squadra praticamente da zero. Mi hanno chiesto di ripartire insieme a loro ed ho accettato con grande tranquillità, e finora il lavoro è stato davvero piacevole». 

Sei vittorie consecutive e vetta mantenuta: qual è il vostro segreto? «Non soltanto in questo scorcio di stagione, ma sin dall'inizio del campionato abbiamo puntato ad avere un'ottima fase difensiva (e finora infatti i gol incassati sono soltanto 12 ndr). Questo però senza rinunciare a fare gol, ovviamente. Tutto con le nostre caratteristiche, cercando di sfruttarle a pieno. Finora questo mix ha funzionato, siamo una squadra quadrata». 

Chi ti spaventa di più per la corsa verso l’Eccellenza? «Fare un nome adesso è davvero molto dura, perché siamo tutti molto vicini e mancano tante partite. Io credo che fino all'Atletico Torrenova siano tutte in ballo. Non ci metto l'Atletico Morena non perché non ritenga la loro squadra di qualità, ma perché ormai ha un ritardo tale e troppe squadre davanti per poter provare a centrare il primo posto. Non posso però indicare una sola squadra. Forse tra qualche settimana si delineerà la situazione». 

Domenica c'è il Roccasecca, un altro bel banco di prova... «Partite come quella di domenica sono sempre complicate, perché queste formazioni che hanno dei punti in meno e lottano per salvarsi tirano sempre fuori quel qualcosa in più, soprattutto nel corso del girone di ritorno. Sarà un match tosto, come quello contro il Ceccano (risolto grazie ad un rigore ndr)».
Andrea Agrifoglio (Gazzetta Regionale)