Juniores Regionale (20^ giornata): Città Monte San Giovanni Campano – Hermada 1-2. Tabellino e cronaca.

CITTÀ MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO – HERMADA 1-2 
CITTÀ MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO: Montoni, Testani, Stirpe, Castelli, Odri, Ferraccioli, Cellupica, Cialone, Cinelli, Carlesi, Mizzoni. A disposizione: Iannucci, Segneri, Capogna, De Vellis, Mastrantoni S., Paglia, Alviani. Allenatore: Davide Recine. 
HERMADA: Paonessa, Di Fonzo, Pannone, Palmieri, Di Biasio, Di Cicco, Di Girolamo, Trani, Vitiello, Carocci, Guastaferro. A disposizione: Pandozzi, Bellissimo, Tassini, Ventura, Ghiraldo, Recchia, Antonelli. Allenatore: Fabrizio Pannozzo. 
Arbitro: Damiano Grieco di Cassino. 
Marcatori: 30’ st Di Girolamo (H) (rigore), 35’ st Cinelli (M) (rigore), 42’ st autogol di Stirpe (H). 

La capolista Hermada si impone (1-2) al “San Marco” di Monte San Giovanni Campano con una buone dose di fortuna. 
C’è rammarico per il risultato finale ma non per la prestazione offerta dai ragazzi di mister Davide Recine, in piena zona play out ma consapevoli di avere le carte in regola per poter risalire la china tirandosi fuori dai bassifondi della classifica. Calendario alla mano il campionato dei giallo-azzurri, in termini di salvezza, inizierà domenica prossima e la permanenza nel torneo regionale passerà dalle prossime dieci gare in programma. I calciatori monticiani devono continuare a lavorare a testa bassa, come fatto finora, seguendo il proprio allenatore in allenamento ed in partita per conquistare, tutti insieme, l’obiettivo stagionale della salvezza. La cronaca. I padroni di casa iniziano la gara in attacco, chiudendo nella loro metà campo la capolista. Al 13’, Castelli realizza il gol del vantaggio che il signor Grieco annulla per un fuorigioco inesistente visto che il passaggio che rimette in gioco il numero 4 di casa è di un calciatore ospite. Lo stesso Castelli, in un paio di circostanze, chiama Paonessa alla respinta in angolo su insidiosi calci piazzati. Al 30’, dagli sviluppi di un corner, Ferraccioli devia la sfera verso la porta avversaria che Pannone respinge sulla linea bianca a portiere battuto. Unica occasione degna di nota per gli ospiti al 33’ con Vitiello la cui conclusione ravvicinata viene respinta con i piedi da Montoni. Nella ripresa la musica non cambia con i giallo-azzurri pronti a fare gioco e gli ospiti a ripartire in contropiede. Al 9’, sul cross di Cellupica, Cinelli fa da sponda per Mizzoni che da ottima posizione non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. Alla mezz’ora, da un lungo rilancio dei difensori ospiti, la sfera colpisce la spalla di Castelli ed il direttore di gara assegna il calcio di rigore all’Hermada. Sul dischetto si presenta Di Girolamo che non dà scampo a Montoni per il gol del momentaneo zero a uno. Due minuti dopo Castelli, di testa, va vicinissimo al gol del pareggio. Al 35’, i padroni di casa realizzano l’uno a uno. Per un contatto in area di rigore tra Segneri e Di Fonzo, l’arbitro assegna il penalty ai monticiani che Lorenzo Cinelli (nella foto) trasforma con freddezza. Al 42’, il calcio piazzato di Di Girolamo, concesso con generosità al limite dell’area di rigore, trova la deviazione, decisiva, di Stirpe che beffa Montoni per il gol del definitivo uno a due. Nel post gara mister Davide Recine ha dichiarato: «Il risultato finale è bugiardo per ciò che si è visto in campo ma la squadra è viva e nonostante la posizione occupata in classifica sono convinto che risaliremo la china. Se avessimo giocato come oggi contro Arce e Tecchiena la classifica sarebbe stata diversa… Disimpegnandoci con questa cattiveria agonistica nelle restanti gare di campionato la salvezza non ci sfuggirà. Restando alla sfida con l’Hermada il rammarico per il ko è grande in quanto contro la prima in classifica abbiamo dominato per lunghi tratti del match… Ora testa al Suio». Suio, Alatri e Sonnino; un trittico di gare da non sbagliare per rimettersi in carreggiata…