Juniores Regionale: intervista di fine stagione a mister Damiano Valenti

Applausi meritati per la Juniores Regionale di mister Damiano Valenti. Al termine di un campionato a dir poco straordinario l’undici di mister Damiano Valenti ha chiuso la propria stagione al quinto posto con ben 45 punti all’attivo. Difficile da pronosticare in avvio di stagione un simile percorso, tracciato in maniera dettaglia senza lasciare nulla al caso. Una programmazione lungimirante che fa ben sperare per il futuro. Mister Valenti, annata straordinaria vissuta in un crescendo di emozioni; ce la riassume? «Abbiamo vissuto un’annata intensa, difficile, soprattutto in avvio di stagione, condita di sacrifici da parte mia e dei ragazzi cui andava inculcata una mentalità nuova basata sul lavoro e sul rispetto delle regole... Alla fine questo duro lavoro ha pagato regalandoci soddisfazioni straordinarie nell’ambito della crescita dei ragazzi, della creazione e fortificazione di un gruppo eccezionale e non ultimo sul piano dei risultati davvero ottimi. Mi piace definirla una stagione fantastica dal punto di vista professionale». Pensava ad inizio stagione di poter chiudere con la sua squadra il campionato al quinto posto? «Ad inizio stagione ero sicuro che con il lavoro ed il mio metodo i risultati sarebbero arrivati. Ho sempre creduto in una salvezza tranquilla ed il quinto posto, superiore alle aspettative, premia i tanti sacrifici posti in essere da agosto ad oggi». Ci definisce con tre, massimo quattro, aggettivi il gruppo di giocatori che ha allenato quest’anno? «Questa è la domanda più bella ma anche la più difficile alla quale rispondere ma ci provo: professionale al massimo, unito, divertente e con gli attributi». Possiamo dire con certezza che mister Damiano Valenti rimarrà sulla panchina della Juniores Regionale monticiana anche nella prossima stagione? «Nella società sportiva del Città Monte San Giovanni Campano ho trovato un ottimo ambiente, sereno, sano, dove poter lavorare bene! Sin dal ritiro pre-campionato abbiamo sposato la causa onorando costantemente i colori giallo-azzurri. Non ho ancora parlato con la società ma il mio intento è quello di crescere e migliorare sempre... Con l’attuale gruppo di giocatori, rispetto ad agosto dell’anno scorso quando si era reduci dalla retrocessione, si può continuare a crescere; i presupposti per andare avanti ci sono tutti, vedremo, è ancora presto per parlare di futuro. Per me fare calcio vuol dire lavorare con passione, rispettando le regole, dimostrando massima professionalità ed ambizione. Abbiamo continuato gli allenamenti oltre la fine del campionato per la gran voglia di stare insieme che anima ognuno di noi». Chi si sente di ringraziare? «In primis mi preme ringraziare i ragazzi che, nonostante le regole interne nello spogliatoio, hanno sempre creduto in me, non tirandosi mai indietro ed impegnandosi con serietà negli allenamenti settimanali. Ringrazio la società ed in particolar modo i presidenti Sandro Sigismondi e Giovanni Mastrantoni che tengono in maniera particolare ai risultati della Juniores e mi sono rimasti sempre vicino elogiando il mio lavoro e quello dei ragazzi. Grazie al direttore generale Marco Sorgi per aver creduto sempre in me, anche quando all’inizio i risultati non arrivavano. Grazie al preparatore dei portieri Andrea Papetti, al magazziniere/dirigente Massimo Colasanti, detto timbro, ed al nostro super tifoso Matteo Salvatori che ci ha sempre seguito con grande entusiasmo». Prima di chiudere il suo intervento, Valenti ha voluto aggiungere, con un pizzico di emozione, una propria considerazione: «La vittoria più bella, che ricorderò per sempre, è la maglietta che i ragazzi mi hanno regalato nell’ultima gara di campionato con una frase che accompagna questo gruppo da agosto (prima foto in basso), il pallone con le loro firme ma soprattutto la lettera che mi hanno scritto e consegnato in occasione dell’ultima cena stagionale. Parole che mi hanno toccato il cuore e che porterò sempre con me. Grazie Ragazzi».  

valenti2.jpg

montejuniores2.jpg

montejuniores1.jpg

valenti1_1.jpg