Monticiani al "San Marco" con il Giardinetti per dimenticare il ko di Colleferro

L’ultima sconfitta in campionato risaliva al 3 novembre; domenica scorsa a Colleferro il Città Monte San Giovanni Campano ha subìto la seconda battuta d’arresto stagionale.
I giallo-azzurri di mister Angelo Bottoni (nella foto) sono chiamati a vivere la volata finale (undici sfide da vivere tutte d’un fiato) senza fare calcoli, mettendosi alle spalle i due ko in campionato! L’avversario di domani, il Giardinetti, non sarà certo quello battuto ad ottobre e rilegato nei bassifondi della classifica; la rosa calciatori è stata notevolmente rinforzata nel mercato dicembrino e gli ultimi otto risultati ottenuti (6 vittorie, 1 pareggio ed 1 sola sconfitta) la dicono lunga sul momento che sta vivendo il team capitolino. I sei successi sono arrivati al cospetto di: Anitrella, Alatri, Real Cassino, Atletico Zagarolo, Lodigiani e Rocca Priora); pareggio a Morena e sconfitta casalinga di misura con il Ferentino. Una squadra in salute da affrontare come se fosse uno scontro diretto di alta classifica! I monticiani saranno chiamati a scendere in campo, come sempre, senza guardare la classifica perché, mai come quest’anno, il girone D risulta essere davvero equilibrato. Vincere è fondamentale tenendo conto che Ferentino e Lupa Frascati avranno, sulla carta, incontri agevoli…

Mister Bottoni, che gara si aspetta contro il Giardinetti? «La formazione capitolina è una squadra in fiducia, reduce da una serie di risultati utili consecutivi. È ancora posizionata in zona play out ma presto dovrebbe uscirne fuori, forte di una rosa potenziata. Un avversario, pertanto, da prendere con le molle…».
Avvincente la corsa a tre per il primato con Ferentino e Lupa Frascati: «Prevedo una lotta serrata sino all’ultima giornata di campionato con il Ferentino favorita numero 1 per il salto di categoria…». A parte lo squalificato Martin Iadipaolo, mister Bottoni dovrebbe riavere l’intera rosa a disposizione.
Arbitrerà l’incontro il signor Adrian Lupinski di Albano Laziale, coadiuvato dalla signorina Eleonora Saccoccio di Formia e dal signor Alessandro De Lorenzo di Latina.