Promozione (25^ giornata): Mistral Città di Gaeta – Città Monte San Giovanni Campano 2-0. Tabellino e cronaca

MISTRAL CITTÀ DI GAETA – CITTÀ MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO 2-0
MISTRAL CITTÀ DI GAETA:
Cenerelli, Siniscalchi, Impesi, Vitale (22’ st Marchetti), Mastroianni, Schettino, Emma, Carnevale, Marciano  (30’ st Cerasuolo), Infimo (19’ st Mariniello), Vuolo (43’ st Leccese). A disposizione: De Bonis, Bernisi, Castillo, Esposito, Gisonni. Allenatore: Francesco Gesmundo.
CITTÀ MONTE SAN GIOVANNI CAMPANO: Fiorini S., Sili, Florese, Veloccia, Frezza, Di Folco, Bruni (27’ st Serapiglia), Fiorini D., Cirelli, Faliero (17’ st Cellupica), Lleshi (36’ st Seppani). A disposizione: Iannucci, Ferraccioli, De Santis, Reali, De Vellis. Allenatore: Fabio Gerli.
Arbitro: Edoardo Menna di Roma 1.
Assistenti: Alessandro De Lorenzo di Latina e Daniele Angelico di Aprilia.
Marcatori: 4’ st e 39’ st Emma.
Note: ammoniti: Mastroianni (G), Marciano (G), Veloccia (M), Cirelli (M) e Lleshi (M). Recupero: 1’ pt; 3’ st.

Prova volenterosa e tatticamente impeccabile per il Città Monte San Giovanni Campano in casa della Mistral Città di Gaeta.
Nonostante ciò, i giallo-azzurri tornano a casa con un ko (2-0) immeritato per quanto messo in campo nel corso dei novanta minuti di gioco. Le pesanti assenze di Seppani (tornato in campo nel finale di gara), Iozzi, Pagnani e Macciocca non si sono fatte sentire più di tanto al cospetto di una squadra che si è permessa il lusso di lasciare in panchina calciatori del calibro di Mariniello, Leccese, Cerasuolo, Bernisi. Una squadra, quella pontina, che si giocherà l’approdo in Eccellenza (direttamente o attraverso i play off) sino all’ultima giornata di campionato. Per i monticiani l’ennesimo ko esterno stagionale di fatto mette fine alle residue speranze di poter agganciare in volata un posto nei play off! Quello che ci piace sottolineare rispetto alla gara odierna è l’atteggiamento, positivo e propositivo, tenuto in campo dai ragazzi di mister Fabio Gerli che pagano oltremisura due incertezze difensive. La cronaca. Avvio di gara sostanzialmente equilibrato con le due squadre che si affrontano a viso aperto senza creare grossi pericoli nell’area avversaria. Al 1’, sul calcio piazzato indiretto battuto da Florese la sfera si perde di un nulla a fondo campo. Al 10’, la prima grande chance costruita dai padroni di casa. Sul cross di Marciano dalla corsia di sinistra, Florese respinge la sfera al limite dell’area di rigore con Vuolo che si coordina colpendo un clamoroso palo a portiere battuto. Al 23’, Faliero va via in contropiede ed in una sorta di due contro uno con Lleshi perde l’attimo facendosi rimontare dal centrale bianco-rosso. Alla mezz’ora un clamoroso fallo in piena area di rigore, a gioco fermo, del portiere Cenerelli su Cirelli (come si vede nelle foto in basso) non viene ravvisato dal direttore di gara che ammonisce per simulazione il numero 9 ospite. Allo scadere, palla in verticale per Marciano che a tu per tu con Simone Fiorini calcia centralmente consentendo al numero 1 ospite di respingere la sfera. Squadre al riposo, dopo 1’ di recupero, sul nulla di fatto. Nella ripresa la Mistral torna in campo più determinata rispetto agli avversari ed al 4’ raccoglie i frutti della pressione offensiva. Emma, in sospetta posizione di off-side, fulmina Simone Fiorini con un gran sinistro in diagonale. Al 25’, dopo alcuni batti e ribatti Sili si ritrova tra i piedi una palla sporca che devia a fondo campo. Un minuto più tardi Lleshi si accentra dalla corsia di destra e con un gran sinistro a giro sfiora il palo della porta difesa da Cenerelli. Al 39’, indecisione difensiva dei giallo-azzurri ed Emma realizza il gol del raddoppio che di fatto chiude l’incontro. In prossimità del 45’, Serapiglia sfiora la traversa con una conclusione da fuori  area. È questa l'ultima occasione di una gara divertente che la Mistral Città di Gaeta si aggiudica con cinismo…


Di seguito alcune foto della gara odierna...

1.jpgIl capitano monticiano Enrico Cirelli


2.jpg
L'azione in cui si vede chiaramente il fallo del portiere Cenerelli su Enrico Cirelli


3.jpg
L'azione incriminata non ravvisata esclusivamente dalla terna arbitrale!