Regolamento e calendario della Coppa Italia di Promozione 2019-2020

REGOLAMENTO E CALENDARIO COPPA ITALIA DI PROMOZIONE 2019-2020:

Diramato dal CRLazio il calendario ed il regolamento per quanto riguarda la Coppa Italia di Promozione.
I monticiani esordiranno nella competizione tricolore ai trentaduesimi di finale, con gare di andata e ritorno in programma il 16 ed il 30 ottobre.

CALENDARIO DELLA MANIFESTAZIONE:

TURNO PRELIMINARE
Mercoledì 18 settembre 2019 gare di andata
Mercoledì 02 ottobre 2019 gare di ritorno

TRENTADUESIMI DI FINALE
Mercoledì 16 ottobre 2019 gare di andata
Mercoledì 30 ottobre 2019 gare di ritorno

SEDICESIMI DI FINALE
Mercoledì 13 novembre 2019 gare di andata
Mercoledì 27 novembre 2019 gare di ritorno

OTTAVI DI FINALE
Mercoledì 11 dicembre 2019 gare di andata
Mercoledì 08 gennaio 2020 gare di ritorno

QUARTI DI FINALE
Mercoledì 22 gennaio 2020 gare di andata
Mercoledì 15 febbraio 2020 gare di ritorno

SEMIFINALI
Mercoledì 11 marzo 2020 gare di andata
Mercoledì 25 marzo 2020 gare di ritorno

FINALE
SABATO 09 MAGGIO 2020

TURNO PRELIMINARE
In relazione a quanto indicato all’art. 2, lettera a), del sopraindicato regolamento, vengono ammesse al Turno Preliminare della Coppa Italia Dilettanti – Cat. Promozione – 2019/2020 le seguenti società:
a) Società a completamento dell’organico:
Montecelio, Centro Sportivo Primavera, Futbol Montesacro, Nuova Pescia Romana, Torre Angela, Monte Mario, Nuovo Cos Latina, W3 Roma Team, Sporting Montesacro, Tecchiena, Atletico Acilia, Lodigiani, Amatrice, Virtus Ardea.

b) Società vincenti i play-out con la peggiore posizione di classifica:
BOMARZO - Società classificatasi al 15° posto nel campionato di Promozione stagione sportiva 2018/19;
GUIDONIA - Società classificatasi al 14° posto nel campionato di Promozione stagione sportiva 2018/19 con il peggior quoziente punti/gare disputate (0,939).


REGOLAMENTO:

Art. 1 – Partecipazione delle squadre
Alla competizione sono iscritte d’ufficio tutte le squadre componenti l’organico del Campionato di Promozione 2019/2020 del Comitato Regionale Lazio.

Art. 2 – Formula

Turno Eliminatorio
Al turno eliminatorio prenderanno parte n. 16 Società così determinate:
- 14 Società ammesse a completamento dell’organico del Campionato di Promozione 2019/2020;
- 2 Società vincenti i play out nel campionato di Promozione 2019/2020 con la peggior posizione di classifica.

In caso di parità nella posizione di classifica vengono adottati, nell’ordine, i seguenti criteri:
- peggior quoziente punti/gare disputate;
- peggior quoziente differenza reti/gare disputate;
- sorteggio.
Le suindicate Società verranno abbinate tra loro e, con gare di andata e ritorno ad eliminazione diretta, si determineranno le 8 squadre che andranno a completare l’organico delle Società, ammesse ai trentaduesimi di finale. Sarà dichiarata vincente del turno eliminatorio, la squadra che avrà totalizzato il maggior numero di punti, e, a parità di punti, la squadra che avrà segnato il maggior numero di reti nel corso delle due gare. Qualora risultasse parità nelle reti segnate, si qualificherà la squadra che avrà realizzato il maggior numero di reti in trasferta. Verificandosi ulteriore parità, al termine della seconda gara, l’arbitro procederà a far eseguire i tiri di rigore, secondo le modalità previste dalla Regola 7 delle “Regole di Giuoco e decisioni ufficiali”.

Trentaduesimi di finale
Le 64 squadre rimaste, verranno abbinate tra loro e, con gare di andata e ritorno, con le stesse modalità di cui al Turno eliminatorio, si determineranno le squadre che avranno titolo al prosieguo della Manifestazione.

Sedicesimi, ottavi e quarti di finale, semifinali
In ciascun Turno le squadre verranno abbinate tra loro, e, con gare di andata e ritorno, con le stesse modalità di cui al Turno eliminatorio, si determineranno le due squadre che avranno diritto a disputare la Finale per l’aggiudicazione della Coppa Italia 2019/2020.

Finale
Per l’aggiudicazione della Coppa Italia 2019/2020 – cat. Promozione, le squadre finaliste disputeranno un’unica gara, in campo neutro, della durata di due tempi di 45’ minuti ciascuno. Qualora, al termine dei tempi regolamentari, il risultato sia di parità, per determinare la squadra vincente verranno disputati 2 tempi supplementari di 15’ ciascuno, al termine dei quali, persistendo il risultato di parità, l’arbitro procederà a far eseguire i tiri di rigore, secondo le modalità previste dalla Regola 7 delle “Regole di Giuoco e Decisioni Ufficiali”.

Art. 3 – Rinuncia a gare
Nel caso in cui una Società rinunci, per qualsiasi motivo, alla disputa di una gara verranno applicate nei suoi confronti le sanzioni di cui all’art.10 del Codice di Giustizia Sportiva (gara persa per 0 - 3). Inoltre, la stessa Società verrà esclusa dal proseguimento della manifestazione; a suo carico sarà altresì applicata la sanzione pecuniaria di € 1.000,00. Verranno anche escluse dal prosieguo della manifestazione le Società che utilizzino calciatori in posizione irregolare o che, comunque, si rendono responsabili di fatti in riferimento ai quali viene applicato nei loro confronti l’art. 10 del C.G.S.

Art. 4 – Premi
Alla Società vincente verranno riconosciuti i seguenti premi:
- Trofeo di Campione Regionale di Coppa Italia – Categoria Promozione;
- Contributo di € 2.000,00, in conto spese di iscrizione al Campionato 2020/2021;
- 30 medaglie per calciatori e tecnici della squadra.

Alla Società 2ª classificata:
-
Targa;
- 30 medaglie da assegnare ai calciatori e tecnici della squadra.

Art. 5 – Limite di partecipazione dei calciatori in relazione all’età
Alle gare di Coppa Italia Dilettanti - Cat. Promozione, possono partecipare, senza alcuna limitazione di impiego in relazione all’eta’ massima, tutti i calciatori regolarmente tesserati per la stagione sportiva 2019/2020 che abbiano compiuto anagraficamente il 15° anno di eta’, nel rispetto delle condizioni previste dall’art. 34 comma 3 delle NOIF. Le Società partecipanti hanno comunque l’obbligo di impiegare sin dall’inizio delle gare, e per l’intera durata delle stesse, e, quindi, anche nel caso di sostituzioni successive di uno o più dei partecipanti, almeno TRE calciatori, così distinti, in relazione alle seguenti fasce di età:
1 nato dall’1.1.1999 in poi, 1 nato dall’1.1.2000 in poi, 1 nato dall’1.1.2001 in poi.
Resta inteso che, in relazione a quanto precede, debbono eccettuarsi i casi di espulsione dal campo e, qualora siano state già effettuate tutte le sostituzioni consentite, anche il caso di infortunio dei calciatori come sopra specificati.
L’inosservanza delle predette disposizioni comporterà l’applicazione della sanzione sportiva della perdita della gara prevista dall’art. 10 comma 6 del Codice di Giustizia Sportiva.

Art. 6 – Sostituzione di calciatori
Durante tutte le gare della Coppa Italia Dilettanti e’ consentita la sostituzione di cinque calciatori, secondo quanto previsto dall’art. 74 delle NOIF.

Art. 7 – Organizzazione e Disciplina Sportiva
Per la sola fase regionale l’organizzazione verrà curata dal Comitato Regionale Lazio, così come anche la disciplina della competizione è demandata agli Organi Disciplinari del Comitato stesso. Le sanzioni di cui alla lettera e), dell’art. 9 comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, inflitte dagli Organi competenti in relazione a gare di Coppa Italia si scontano nella stessa competizione. Per le gare di Coppa Italia i tesserati incorrono in una giornata di squalifica ogni due ammonizioni inflitte dall’Organo di Giustizia Sportiva. Le sanzioni di squalifica a tempo determinato hanno esecuzione secondo il disposto dell’art. 19 comma 3, del Codice di Giustizia Sportiva. Le tasse reclamo sono fissate in € 78,00 per i reclami al Giudice Sportivo e in € 130,00 per i reclami alla Corte Sportiva d’Appello Territoriale.

Art. 8 – Formazione delle classifiche
Le classifiche saranno stabilite mediante attribuzione di tre punti per le gare vinte ed un punto per la gare pareggiate. Per le gare perse non vengono attribuiti punti.

Art. 9 – Reclami
Si rimanda alle disposizioni emanate in materia dalla F.I.G.C. con il Comunicato Ufficiale n° 66/A dell’ 08.08.2019, pubblicato in allegato al presente Comunicato Ufficiale.

Art. 10 – Calendari ed orari
I calendari e gli orari della manifestazione sono quelli stabiliti con Comunicato Ufficiale. Le Società provviste di idoneo impianto di illuminazione, omologato dal C.R. Lazio, possono chiedere di disputare le gare interne con inizio posticipato fino alle ore 18.00. Orari di inizio successivi dovranno essere concordati con la Società ospite. Eventuali variazioni di campi, orari e date potranno essere richiesti dalle società interessate. Tali richieste debbono pervenire al Comitato Regionale almeno 5 giorni prima della gara alla quale si riferiscono con il necessario benestare della società avversaria.

Art. 11 – Arbitri
Per le gare della Fase Regionale gli arbitri e gli assistenti arbitrali saranno designati dal C.R.A.

Art. 12 – Applicazione Regolamenti Federali
Per quanto non previsto nel presente Regolamento si fa espresso richiamo agli articoli delle Norme Organizzative Interne della F.I.G.C., del Codice di Giustizia Sportiva e del Regolamento della L.N.D.